venerdì 23 agosto 2013

Correre?

Corro da più di un anno ormai.
Ho iniziato camminando,e, quasi come la scimmia che si trasforma in uomo ho iniziato a correre.
I primi tempi sono stati difficilissimi:correvo un minuto e ne camminavo due. Per otto volte. Quei 24 minuti mi sembravano infiniti e quel minuto di corsa...avevo il fiatone,male alla milza,mi girava la testa e spesso dopo 59 secondi avevo anche un po' di nausea.
Dopo qualche mese sono riuscita a correre per 10 minuti filati,e alla fine della scorsa estate ho corso per ben 45 minuti! Non mi sembrava vero, non mi riconoscevo più e allo stesso tempo ero felicissima, orgogliosa di me stessa e forte
E' lo sport che è durato di più nella mia vita e che mi ha dato tante soddisfazioni: non solo in termini fisici (più magra, più muscoli, più energie), ma soprattutto in termini mentali. Ogni corsa è' una lotta con me stessa:  l'importante è mettere i piedi fuori di casa ed iniziare a farli girare. Non importa se si va meglio o peggio della corsa precedente, l'importante è finirla ed esserci riusciti.

Correre ci insegna a continuare ad andare avanti, un passo alla volta, specialmente nei momenti più dolorosi.


Almeno, per me funziona così: non ho mai voglia di andare  a correre, devo spingermi letteralmente fuori di casa, portare avanti trattative estenuanti con l'altra me e convincermi (più o meno questo succede per 10 giorni una volta al mese-non serve che vi dica in che periodo visto che sono una donna...). 
Ma dopo i primi 10 minuti di corsa, che sono i più difficili per me, inizia il bello. Le gambe girano automaticamente, il respiro si stabilizza e la mente va. E quando finisco vorrei subito ricominciare, perchè rientro in casa con la consapevolezza di essere più forte, di avercela fatta anche oggi, di "essermi fatta del bene".


Per iniziare io ho seguito il metodo di Roberto Albanesi, che porta a correre 10 km da 0,ma non fino alla fine perchè dopo aver completato il sesto livello mi sono data obiettivi sulle distanze invece che sul tempo. So che molti hanno seguito anche il C25K (Couch to 5 kilometers) ovvero dal divano  a correre 5 chilometri, e si sono trovati bene.
Entrambi i programmi potete trovarli qui.

Ovviamente prima di iniziare a correre una visitina dal medico io la farei

Tutta questa bellissima premessa per dire che al momento il mio passo è più vicino a quello di una lumaca che a quello di un umano e la mia resistenza è notevolmente diminuita. Ma continuo a correre e per darmi nuovi stimoli sto seguendo questo prigramma con mia sorella. L'obiettivo è quello di correre bene 5 Km il 6 ottobre, per poi iniziare ad allenarmi di nuovo per i 10 km.

La parte più difficile è uscire dalla porta


Qualcun'altro di voi corre? dai dai che sono curiosa di conoscere altre esperienze!

6 commenti:

  1. Aiuto. No, non corro. Mi spaventa star male dopo i primi passi, perché sto sempre male, esattamente come descrivi tu. Quando passeggio nel parco e vedo dei corridori - sguardo proiettato avanti, serietà sul volto, ritmo costante -, penso sempre che stiano espiando qualche peccato o fuggendo dai propri fantasmi! non riesco proprio a collegare la corsa alla felicità ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah!Ti capisco perfettamente perchè anch'io fino a qualche anno fa ero così.e ancora adesso qualche volta non mi spiego perchè invece di stare a casa a guardare un telefilm vado a correre...è come una droga!

      Elimina
  2. dovrei stamparmi questo post e rileggerlo ogni mattina come un mantra... vorrei tanto riuscirci ! per stare meglio, per sentirmi più in forze, per dimagrire... ora che fa un po' più freschetto forse.... DEVO TOGLIERE QUEL FORSE !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si dai togli quel forse,che da adesso in poi non bisogna più solo correre di sera o la mattina presto!

      Elimina
  3. Mi piacerebbe, ma sono troppo pigra! Ti seguo, il tuo blog mi piace molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ero come te,ma poi è scattato qualcosa...che non ti so spiegare!
      Grazie per il complimento!

      Elimina

Grazie per essere passati. Se vi va lasciatemi un commento con le vostre opinioni ed esperienze. Grazie!